Museo Vasa

img_9959

Museo Vasa, assolutamente da non perdere

Il Vasa è un vascello unico al mondo, infatti è il solo rimasto del 1600, ed ha ispirato gli ultimi film della saga “pirati dei Caraibi.” La grande particolarità consiste nel fatto che è rimasto praticamente intatto per più di 300 anni in fondo al mare ed ora è visibile come se fosse balzato avanti nella storia senza quasi invecchiare. Attraverso la vista guidata in italiano del museo Vasa scoprirete molti dettagli che in genere sfuggono al turista. Il Vasa ha una storia particolare sulla sua costruzione, il suo affondamento, il recupero 50 anni fa, e ora la sfida per la sua conservazione. Insieme alla guida ritorneremo al 1625 quando, con uno sforzo economico e tecnologico, iniziarono i lavori per la costruzione di questa nave tutta in legno di quercia, che allarmarono tutti i nemici della Svezia. La nave voleva primeggiare sui mari ma anche lanciare un messaggio propagandistico sulla magnificenza del re di Svezia. La guida vi racconterà il drammatico affondamento del 1628 spiegandovi e mostrandovi a livello pratico le ragioni di questo disastro.

Con l’affondamento del Vasa, il mare si inghiottì anche tutta la stiva e con essa gli oggetti della vita a bordo, e in questa interessantissima esposizione la guida vi racconterà com’era la dura vita a bordo, cosa mangiavano, come vestivano, la disciplina dell’equipaggio e come avvenivano le battaglie navali. Ammirerete gli abiti ritrovati, gli utensili della cambusa e gli oggetti per i passatempi a bordo. La nave offre anche moltissime sculture in legno che attraverso allegorie lanciano diversi messaggi agli oppositori della potenza svedese.

La visita non si ferma al 1600 ma ritorna al 1900 quando fu rintracciato e si decise di recuperare il relitto. E questa è un’altra storia che merita di essere ascoltata, come ha fatto una nave di 1000 tonnellate ad essere sollevata e essere così perfettamente restaurata? Guardano il Vasa non si ha l’impressione che abbia quasi 400 primavere alle spalle. I lavori non sono mai terminati e ogni anno il museo offre sempre una nuova sfida.